Nevralgia di Arnold in S. di Arnold Chiari

 

18.09.2017     Un giovane sulla trentina si presenta a visita  perché da circa 40 mesi lamenta  un dolore nucale con pungolo occipitale, con irradiazione  in regione frontale dx.

 

Caratteristiche del dolore: pulsante, continuo, quotidiano, variabile da una intensità  pari a 5 fino a 10. Riferisce  come gli esordi furono caratterizzati dall’insorgenza di formicolii in regione occipitale. I formicolii  dopo qualche mese lasciarono spazio alla cefalea. .

 

Fu cosi che , per un approfondimento del quadro, dopo un consulto Nch,  gli  furono consigliate le indagini neuroradiologiche del caso. Da queste,  Tc , RM  dell’encefalo  e tronco, estese al tratto cervicale e dorso-lombare, fino al filo terminale, fu scoperta  una modestissima discesa della tonsille cerebellari, definita intorno a 3 millimetri, quindi una S.di Arnold Chiari benigna. Non evidenziate cavità siringomieliche, frequentemente presenti  nelle anomalie  transizionali  tipo Arnold Chiari , né  alterazioni  del filo terminale, possibili   anch’esse in questi casi.

Il paziente riferisce che, dopo  una franca esacerbazione della cefalea ( 10/10 alla VAS)  che durava da una settimana, il 14.agosto di quest’anno, il paziente , svegliatosi con una violenta cefalea , ebbe a manifestare  un  episodio lipotimico,  che richiese  ricovero al PS. Anche in quella occasione, a quanto si apprende dal referto, l’esame obiettivo neurologico risultava negativo.

Obiettività neurologica all’ingresso(18/09/017) :  disestesia nell’area di innervazione tipica  del Nervo di Arnold in regione occipitale dx. Dolore sensibile  alla compressione  sui punti di emergenze sullo Scalp del nervo e,  accentuato dall’iperestensione del capo. Permangono negativi tutti gli altri segni neurologici.

22.09.o17

Il quadro va seguito nell’evoluzione anche con controlli RM longitudinali.3 La risposta alle cure è ad oggi soddisfacente.

Sul piano neurologico non vi è più disestesia in occipitale destro, per cui la sensibilità è simmetrica.

Non  si riesce ad evocare dolore, con la compressione digitale, sui punti sede delle emergenza del grande occipitale destro.

VAS = 2/3

A controllo tra 40 gg.  Segui….